Controllo

È tutto a posto?

Avete accuratamente pianificato l’escursione, siete perfettamente equipaggiati e avete già fatto un bel pezzo di strada. Tutto sta andando liscio ma, per evitare brutte sorprese, ricordatevi di non abbassare mai la guardia.

Quando si è stanchi i passi sono meno sicuri. Bevete, mangiate e fate delle soste a intervalli regolari per rimanere in forma e concentrati.

  • Fate una pausa ogni 60-90 minuti oppure ogni volta che avvertite un calo di concentrazione. Approfittatene per godervi lo splendido paesaggio montano, per ristorarvi e rifare il pieno di energia.
  • Bevete molto anche se non avete sete.
  • Se vi accorgete che il vostro tasso glicemico si sta abbassando, una barretta energetica, della frutta secca o del glucosio vi faranno sentire subito di nuovo in forma.
  • Se avete previsto di fare tappa in un ristorante di montagna, concedetevi pure qualche peccato di gola ma non esagerate con le bevande alcoliche.
  • Procedete a passi piccoli e a ritmo regolare: così facendo risparmierete le energie in salita e le articolazioni in discesa.

Controllate regolarmente il tempo trascorso e le condizioni meteo.

  • Fate regolarmente il punto della situazione per verificare se state rispettando la tabella di marcia. Così potrete decidere per tempo di prendere un percorso alternativo, accorciare l'itinerario o interrompere l’escursione.
  • Se il tempo peggiora, tornate subito indietro o cercate un riparo. Se vi accorgete che si stanno avvicinando nuvole minacciose, interrompete l’escursione prima possibile.

Non abbandonate i sentieri segnalati.

  • Restate sui sentieri segnalati anche in presenza di percorsi battuti che hanno tutta l’aria di scorciatoie: potrebbero essere in condizioni non ottimali per mancanza di manutenzione o non portare da nessuna parte.
  • Se vi siete persi, rimanete col resto del gruppo e tornate tutti insieme all’ultimo punto conosciuto. Aspettate che la visibilità migliori o chiedete aiuto.

Se necessario, tornate indietro in tempo.

  • Se improvvisamente non doveste sentirvi bene o se doveste incontrare qualsiasi altra difficoltà, non correte rischi e non forzatevi ma tornate subito indietro.

Altri consigli e suggerimenti

  • I pendii erbosi, le pietraie e i nevai ripidi si affrontano più facilmente in salita che in discesa. Se possibile, evitate i nevai.
  • Siete in gruppo? Mantenete il contatto visivo tra di voi e fermatevi di tanto in tanto ad aspettare chi è rimasto indietro.
  • Non fate nulla che possa spaventare le greggi e mantenetevi a debita distanza. Se avete un cane con voi, tenetelo al guinzaglio.
  • Se incontrate un cane pastore, restate calmi per fargli capire che non rappresentate un pericolo per il gregge, cui in ogni caso fareste bene a non avvicinarvi.
  • Fate passare i mountain biker senza intralciare inutilmente il loro percorso.
  • Evitate in ogni caso di provocare la caduta di massi camminando in prossimità di solchi e canaloni. I massi possono staccarsi anche a causa delle alte temperature, dello scioglimento della neve, di vento forte, del passaggio di animali o di altri escursionisti. Non sostate in prossimità di pareti rocciose friabili e, se avete bisogno di una pausa, fermatevi solo in luoghi sicuri.